Ti sei mai chiesto come mai alcune persone sono dei vincenti in qualsiasi cosa facciano, senza il minimo sforzo, mentre per altri la vita è una lotta continua?

 Stai per scoprire quello che alcuni dei più grandi filosofi, scienziati e pensatori della storia sapevano su come FRANTUMARE la confusione, la stupidità, l’incompetenza, la mancanza di concentrazione, la demotivazione e molti altri problemi INVALIDANTI che ti impediscono di raggiungere i risultati che vuoi veramente ottenere nella vita.

Se stai cercando un metodo semplice per far emergere le tue potenzialità in qualsiasi soggetto o attività, allora leggi ogni singola parola di questa pagina. Stai per scoprire in che modo puoi prenderti velocemente “un vantaggio” a scuola, sul lavoro, nei tuoi hobby ed in qualsiasi altro campo.

Perché?

Perché stai per imparare una semplice metodologia che ti permetterà di sbloccare la tua capacità di imparare e di fare qualsiasi cosa… si tratta di qualcosa che potrebbe letteralmente cambiare la tua vita.

Stiamo parlando di un sistema comprovato che:

  • Può essere usato immediatamente per aumentare la tua intelligenza, la tua competenza e la tua sicurezza in qualsiasi area della vita.
  • È talmente semplice da mettere in pratica che io stesso lo uso sin da quando avevo 14 anni.
  • È basato sul lavoro di ricerca che è stato svolto da alcune delle più brillanti menti della storia (a partire sin dai tempi di Socrate!).

Affermazioni grosse? Può darsi. Ma ti dimostrerò che il Potere delle Parole NON è una “moda new age”. È basato sulla scienza reale ed è così ovvio, una volta che lo conosci, che ti chiederai per quale motivo non ti è mai stato insegnato a scuola.

Ma prima vorrei condividere con te la storia di come è nato il mio libro Il Potere delle Parole

Recentemente ho partecipato ad un convegno di alto livello riservato agli imprenditori, ed uno degli illustri relatori aveva già sprecato inutilmente trentatre minuti del nostro tempo. Mentre mi guardavo in giro per la stanza, vedevo file e file di sguardi spenti fissi nel vuoto e di schermi di computer bianchi e luminescenti.

Avevano tutti il loro fido word processor aperto, pronti a riempirlo con quelle perle di saggezza per le quali avevano pagato una quota di accesso di ben 2.000 dollari. E gli schermi erano vuoti. Persino i partecipanti più “inclini a prendere appunti” avevano solo pochi paragrafi da mostrare.

Il relatore andava da un discorso all’altro senza nessuna logica. Aveva un dottorato di ricerca. Era l’esperto tra gli esperti. Tutti noi avremmo dovuto crogiolarci nella sua saggezza e capire in che modo migliorare le nostre aziende grazie ai suoi grandi insegnamenti.

Beh, credo che la cosa più profonda che la maggior parte dei partecipanti abbia imparato sia stata come trasformare i sogni a occhi aperti in degli sciocchi scarabocchi.

Vedi, questo laureato aveva infranto ogni regola:

• Ha riempito la platea di termini tecnici non definiti e di altre parole da “intelligentoni”.

• Ha cercato di condensare in pochissimi minuti la quantità di informazioni di una giornata intera.

• Ha cercato di portarci attraverso una curva di apprendimento che, di base,  era troppo ripida.

• Disponeva di pochissimi grafici, diagrammi, immagini o qualsiasi altro elemento visivo che potesse in qualche modo bilanciare tutta quella teoria.

Potrei andare ancora avanti, ma in realtà non posso condannare quel ragazzo. La verità è che…

Forse può sembrare duro, ma sappiamo tutti che è vero. La maggior parte delle persone proprio non sa in che modo può scomporre la conoscenza così da renderla facilmente assimilabile dagli altri. E questo indipendentemente da quanto siano buone le loro intenzioni e da quanto siano esperti nel loro campo.

Il conferenziere del convegno era un uomo molto intelligente, ma non era in grado di trasmettere la sua conoscenza e la sua esperienza in modo tale che gli altri potessero seguirlo. Scommetto che nemmeno uno dei 200 partecipanti è riuscito a mettere in pratica una qualsiasi parte di quella conferenza. Quante volte hai cercato di imparare qualcosa per poi sentirti semplicemente smarrito e confuso? Credo che tutti noi abbiamo avuto a che fare con delle persone i cui metodi di insegnamento decisamente non facevano per noi e che ci rendevano esausti. Tutti noi abbiamo letto dei libri che non avevano alcun senso e che non siamo riusciti a mettere in pratica.

Pensa ad un obiettivo che vorresti ottenere.

Fare più soldi? Far crescere la tua attività? Prendere dei voti più alti? Imparare a suonare uno strumento? Come ben sai, per raggiungere un tale obiettivo è necessario imparare. Devi leggere libri, fare corsi, ascoltare conferenze, esercitarti… ricevere diversi tipi di insegnamenti da parte degli altri.

Si dice che l’apprendimento ha tre diversi livelli:

Livello 1: Ottenere la Conoscenza

Livello 2: Passare all’Azione

Livello 3: Cambiare in meglio

Devi prima capire qualcosa a livello intellettuale e farti l’idea di come tale cosa possa essere applicata o messa in relazione ad altre cose. Poi dovrai metterla in pratica nel mondo reale. E solo allora, dopo una profonda comprensione e molta azione, sarai in grado di cambiare te stesso per il meglio, godendone i benefici in modo stabile.

Senza comprensione non sarai in grado di intraprendere le azioni giuste. E senza intraprendere le azioni giuste, non sarai in grado di cambiare per il meglio e ottenere risultati duraturi.

Perciò, cosa dovresti fare per ottenere facilmente una profonda comprensione di qualsiasi soggetto, così da essere poi in grado di intraprendere quelle potenti ed efficaci azioni che ti permetteranno di migliorare te stesso, e il tutto senza sforzo?

Questo è il soggetto de Il Potere delle Parole, un’incredibile conoscenza che mi è stata trasmessa molti anni fa…

Sono state queste le mie ultime parole di fuoco, mentre chiudevo con violenza il mio libro di analisi matematica delle superiori, più di dieci anni fa.

Ero uno studente che prendeva sempre il massimo dei voti ed ero in anticipo di due anni sul programma di studio, ma con l’analisi matematica proprio non riuscivo ad ingranare: mi stava facendo letteralmente IMPAZZIRE. Ero il classico tipo alla “devo essere il migliore di tutti”, ma ciò nonostante stavo trascorrendo ore e ore strappandomi i capelli nel tentativo di dare un senso alla cosa. Poi sono stato affiancato da un tutor e la situazione è un po’ migliorata, ma ancora non riuscivo a prendere i voti che volevo.

Ero Sotto l’Effetto delle “Quattro Piaghe dell’Apprendimento”:

La Prima Piaga:

La confusione è stata la prima a colpire. Il soggetto dell’analisi matematica non aveva alcun senso per me. Ho sprecato un sacco di ore nel tentativo di addentrarmi nel soggetto e capirlo, ma la molla proprio non scattava.

La Seconda Piaga:
Sopraffacente” è la parola giusta per descrivere la mia esperienza di tutoraggio. Il tutor continuava a sommergermi con diversi punti di vista e informazioni, ed io mi sentivo girare proprio come una trottola.

La Terza Piaga:
La frustrazione era alta. Fino a poco prima ero lo “studente modello”… ma cosa diavolo mi stava succedendo? Perché non riuscivo ad imparare e ad applicare quelle informazioni?

La Quarta Piaga:
La delusione si stava pian piano insediando. Ero diventato il peggior critico di me stesso, e questa “catastrofe” NON faceva proprio per me.

Ogni volta che cerchi di imparare o di fare qualcosa di nuovo, queste quattro piaghe vengono attivate da una trappola nascosta e letale che inghiotte a dir poco il 90% delle persone.

Questa trappola può impedirti di riuscire in qualsiasi impresa, indipendentemente da quanto disperatamente tu intenda farcela e da quanto tempo ed energia tu sia disposto ad investire nel farcela. Questa trappola rende l’apprendimento delle cose almeno DIECI volte più difficile di quanto dovrebbe essere. E lo stesso vale anche per l’intraprendere azioni rapide ed efficaci.

A dirla tutta, è come un’invisibile palla da 250 chilogrammi con relativa catena, che ti mette in ginocchio ogni volta che cerchi di imparare e di fare qualcosa di nuovo.

Riprovai con un nuovo tutor, il quale intraprese un approccio completamente differente da quello di tutti gli altri. Un approccio che a prima vista sembrava troppo semplice per poter funzionare…

Il nuovo tutor iniziò indirizzandosi alle PAROLE dell’analisi matematica. Che cosa significava veramente la parola “analisi”? E “limite”, “funzione”, “derivata”, “integrale”… che cosa significano VERAMENTE queste parole e come si relazionano tra loro? Sto parlando di una vera comprensione, e non di un superficiale “per adesso facciamo finta di saperlo, tanto poi l’imparo”.

Se ti senti confuso anche al solo leggerle, non preoccuparti. Voglio solo farti capire il punto in cui mi trovavo. Mi ero fatto le idee COMPLETAMENTE più sbagliate riguardo a che cosa sapessi e a che cosa non sapessi veramente.

Ecco la prima cosa che capii: ero confuso riguardo alle PAROLE e per questo motivo mi sembrava confuso l’intero SOGGETTO .

Questo fu il mio primo “Ah-a!”. Ecco! Ma certo!

Questo tutor ha poi portato la cosa molto più avanti, insegnandomi un METODO completo ed ingegnoso che permette di sfruttare il potere delle parole in QUALSIASI area o soggetto. È incredibilmente facile da usare ed è semplicemente geniale.

La capacità di apprendere in modo rapido ed efficace e trasformare immediatamente tale comprensione in grandi risultati nel mondo reale sarà la cosa che determinerà il tuo successo in qualsiasi aspetto della vita.

“Conoscere non è abbastanza: dobbiamo applicare. Volere non è abbastanza: dobbiamo fare”, scrisse Johann Wolfgang von Goethe, il leggendario scrittore tedesco considerato come uno dei più grandi pensatori di tutta la cultura occidentale.

A scuola tutto ciò che fanno è di sommergerci di informazioni per poi chiederci di superare gli esami. Ma di che beneficio è questo nel mondo reale? Non è superando gli esami che potrai ottenere una promozione o avviare un’attività. Devi essere in grado di far succedere le cose usando ciò che hai imparato.

Alcuni anni fa un’università ha condotto uno studio per scoprire quali siano i fattori del successo. I ricercatori hanno studiato alcuni venditori che guadagnavano più di 250.000 dollari l’anno in provvigioni, prendendo in considerazione diversi fattori. Dopo molte ricerche hanno scoperto che tutte queste persone di successo avevano una cosa in comune. Di che cosa cosa si tratta?

Velocità di applicazione.

Che cos’è la “velocità di applicazione”? Beh, è semplicemente il tempo che passa tra il momento in cui senti o impari qualcosa ed il momento in cui lo metti in pratica.

Quella ricerca ha messo in luce il fatto che queste persone di estremo successo appena ricevevano una nuova idea la mettevano subito in pratica per scoprire se funzionava o meno. Erano dei veri e propri fanatici della velocità di applicazione, ed hanno fatto un sacco di soldi operando in questo modo.

Thomas Edison: una volta disse  “Il valore di un’idea è nel suo uso”.

Le persone di successo non perdono tempo quando si tratta di fare le cose. Intraprendono un’azione rapida ed efficace ed ottengono risultati.

Le persone che NON sono di successo si perdono in confusioni e frustrazioni. PENSANO al fatto che devono intraprendere delle azioni, ma poi raramente se ne vanno in giro a FARLE. Fanno errori mentre cercano di mettere in pratica. Così si scoraggiano facilmente e poi ABBANDONANO.

Ma non è colpa loro!

La cosa triste è che, in mancanza delle capacità insegnate in questo libro da 19 euro, si possono sprecare MIGLIAIA di euro e un gran numero di ore nel tentativo di imparare, finendo così per PATIRE le frustrazioni del fallimento!

Acquista adesso la tua copia!

Quantità:  

19,00 Euro
Pagamento sicuro con Paypal

f

Per acquistare:

Versione cartacea 

Quantità:  

19,00 Euro
Pagamento sicuro con Paypal

____________________________________________

Forse potrebbe interessarti anche:

Corso su “Il Potere delle Parole”